31 May, 2020
  •  

     

     

    L'avvocato deve sapere in modo così discreto suggerire al Giudice gli argomenti per dargli ragione, da lasciarlo nella convinzione di averli trovati da sè.

    Piero Calamandrei
    "Elogio dei giudici scritto da un avvocato", 1935
  • 1

Ultime News

La l. n. 24/2017, cd. Legge Gelli-Bianco, ha previsto quale condizione di procedibilità per la domanda in tema di responsabilità professionale medica e sanitaria il ricorso al procedimento per accertamento tecnico preventivo (ATP) ex art. 696 bis c.p.c., quale alternativa al procedimento di mediazione civile ex. d.lgs. n. 28/2010.

In particolare, l'art. 8, 1° comma della legge in commento, dispone che “chi intende esercitare un'azione innanzi al giudice civile relativa a una controversia di risarcimento del danno derivante da responsabilità sanitaria è tenuto preliminarmente a proporre ricorso ai sensi dell'articolo 696 bis del codice di procedura civile dinanzi al giudice competente”, continua al 2° comma stabilendo che “E' fatta salva la possibilità di esperire in alternativa il procedimento di mediazione ai sensi dell'articolo 5, comma 1 bis, del decreto legislativo 4 marzo 2010, n. 28. In tali casi non trova invece applicazione l'articolo 3 del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 132, convertito, con modificazioni, dalla legge 10 novembre 2014, n. 162”.

Appare chiaro, quindi, che chi voglia intraprendere un'azione civile in tema di responsabilità professionale medica viene posto dinanzi alla scelta tra due strumenti processuali alternativi, quali condizioni di procedibilità dell'azione di risarcimento danni: il ricorso per ATP ex. art. 696 bis c.p.c. o il tentativo di mediazione.

Soffermandoci sul primo dei due procedimenti, occorre, preliminarmente, menzionare l'art. 696 bis c.p.c. rubricato “Accertamento tecnico preventivo ai fini della composizione della lite”, il quale dispone che l'espletamento della consulenza tecnica preventiva possa essere richiesto anche al di fuori delle ipotesi di urgenza (periculum in mora), di cui all'art. 696 c.p.c., 1° comma, per accertare e determinare crediti derivanti dalla mancata o inesatta esecuzione di obbligazioni contrattuali o da fatto illecito. Ratio dell'istituto è, infatti, quella di auspicare una conciliazione ante causam tra le parti; la norma stessa espressamente prevede che “il consulente, prima di provvedere al deposito della relazione, tenta, ove possibile, la conciliazione delle parti”.

Figura centrale dell'istituto in esame è la quella del consulente tecnico (CTU), un medico nominato d'ufficio dal giudice per svolgere una consulenza tecnica di natura medica, uno specialista che ha il compito di accertare e quantificare il danno, oltre a tentare di conciliare le parti, prima del deposito della relazione.

Occorre evidenziale che l'ATP ex art. 696 bis c.p.c. è finalizzata anche ad anticipare una parte dell'istruzione della causa di merito, per la quale è necessaria (sarebbe necessario) disporre una consulenza tecnica al fine di accertare e determinare l'ammontare del danno, motivo per cui una parte della Dottrina lo qualifica come un procedimento istruttorio anticipato avente natura cautelare.

È proprio in quest'ottica che ben si spiega il disposto dell'art. 8 della legge Gelli-Bianco su richiamata, nel quale si legge che, qualora il procedimento di cui all'art. 696 bis c.p.c. proposto non si concluda nel termine di sei mesi, la domanda diventa procedibile, e se le parti non hanno trovato un accordo, il legislatore permette di preservare e salvare gli effetti della domanda formulata mediante la proposizione del ricorso ex art. 696 bis c.p.c. se, entro 90 giorni dal deposito della relazione o dalla scadenza del termine perentorio, viene depositato il ricorso ex art. 702 bis c.p.c, introduttivo del giudizio di merito a cognizione sommaria.

L'obbligo, previsto dalla riforma Gelli- Bianco, di incardinare il giudizio di merito con rito semplificato ex art. 702 bis c.p.c. e ss. è giustificato dall'intenzione del legislatore di voler considerare l'ATP quasi come una fase istruttoria anticipata del (eventuale) giudizio di merito, per il quale sarebbe necessario disporre di una consulenza tecnica al fine di accertare l'entità del credito-danno “derivanti dalla mancata o inesatta esecuzione di obbligazioni contrattuali o da fatto illecito”, motivo per cui, la consulenza tecnica preventiva ha carattere provvisorio e strumentale, non natura decisoria e definitiva. Ancora, la Dottrina e la Giurisprudenza maggioritaria sono inclini a considerare la consulenza tecnica prevista dall'art. 696 bis c.p.c. come non strumentale al successivo giudizio di merito, ma essa stessa uno strumento per evitare il giudizio di merito: dunque non “una prova prima del processo” o “una prova in vista del processo”, bensì “una prova in luogo del processo” (In tal senso cfr. Cass. S.U., n. 14301/2007).

Per completezza espositiva occorre menzionare che il quarto ed ultimo comma dell'art. 8 della legge su richiamata obbliga tutte le parti a partecipare al procedimento di cui al primo comma dell’art. 696 bis c.p.c., allo scopo di garantire l'integrazione del contraddittorio per tutti i soggetti individuati dall'attore-ricorrente come responsabili, e verso i quali si vorrà instaurare l'eventuale giudizio, comprese le imprese di assicurazione, “le quali hanno l'obbligo di formulare l'offerta di risarcimento del danno ovvero comunicare i motivi per cui ritengono di non formularla”.

Inoltre, sarà senz'altro parte l'impresa assicurativa in virtù dell'azione diretta del soggetto danneggiato nei confronti della compagnia assicurativa che potrà essere sia l'istituto che copre per tale tipologia di danni la struttura sanitaria pubblica/privata, nonché l'assicurazione del medico libero professionista citato, con conseguenziale litisconsorzio necessario nei confronti della struttura e del medico.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

NOTIFICA DEI COOKIE SUL SITO WEB E DOCUMENTO DI DIFFUSIONE

Cosa sono i cookie?

 

I cookie sono piccole porzioni di dati inviate da un sito web e conservate sul dispositivo dell’utente durante la navigazione. I cookie hanno varie funzioni: ad esempio, raccolgono informazioni sulle attività effettuate in precedenza dall’utente in modo tale da rendere la navigazione più efficiente e piacevole, ricordano le preferenze impostate, consentono la navigazione e permettono l’autenticazione in caso di registrazione o acquisto effettuato per mezzo del sito web. Infine, l’uso dei cookie serve a garantire che gli annunci visualizzati dall’utente siano più in linea con i suoi interessi.

L’uso dei cookie non danneggia in nessun modo il computer; inoltre, essi vengono cancellati dopo un certo lasso di tempo, ad esempio dopo sei mesi. Per ulteriori informazioni sui cookie, si prega di consultare il sito:www.allaboutcookies.org.

 

Studio Galofaro fa uso di cookie sui suoi siti?

 

Sì. Come la pressoché totalità dei siti web, anche Studio Galofaro fa uso di cookie per varie ragioni, ad es. l’identificazione degli utenti che tornano a far visita al sito, il calcolo del numero totale dei visitatori, la rilevazione delle pagine consultate e di eventuali difficoltà tecniche nel caricamento delle pagine o nel corso della navigazione sul sito. La raccolta di tali informazioni ci consente di capire quali sono le pagine più interessanti o utili per gli utenti e di monitorare il livello generale di interesse nei confronti dei nostri siti. Inoltre, grazie ai cookie è possibile individuare eventuali problemi di natura tecnica nel sito e risolverli tempestivamente. In tal modo, riusciamo a garantire il corretto funzionamento dei siti web e ci impegniamo per migliorare la nostra offerta nei confronti dei visitatori.

 

Devo accettare i cookie per poter visitare il sito?

 

No, non necessariamente. È possibile disabilitare i cookie, compresi quelli utilizzati dal nostro sito web, semplicemente disattivando la funzione dei cookie nel proprio browser. Tuttavia, alcune parti del sito, così come di altre pagine web, potrebbero non funzionare correttamente una volta disattivata tale funzione. Ad esempio, in caso di acquisto di prodotti dal nostro sito o di richiesta di password per l’accesso ad un’area limitata, il sito web non potrà procedere in assenza dell’autenticazione fornita dai cookie.

 

Quali sono le tipologie di cookie presenti sui siti web?

 

In generale, i nostri siti web utilizzano tre categorie di cookie:

Questi cookie sono essenziali in quanto consentono all'utente di spostarsi da una sezione all’altra del sito web e di interagire con le sue funzionalità, come ad esempio i servizi richiesti. Senza questi cookie, tali servizi, quali la navigazione come utente registrato, l’accesso ad aree sicure o l’acquisto di prodotti dal sito, non sarebbero disponibili. Come tutti i siti web di dominio pubblico, anche il nostro sito fa uso dei cookie strettamente necessari.

Cookie di prestazione. Si tratta di cookie in grado di raccogliere informazioni sulla modalità d’uso del sito web da parte degli utenti, come ad esempio le pagine più visitate, e sull’eventuale presenza di messaggi di errore inviati dal sito stesso. Questi cookie non raccolgono informazioni in grado di identificare i visitatori. Le informazioni vengono raccolte in forma aggregata e anonima e vengono utilizzate esclusivamente ai fini del miglioramento del sito. Come la pressoché totalità dei siti web, anche Studio Galofaro fa uso di cookie di prestazione sui suoi siti.

Cookie di funzionalità. Questi cookie permettono al sito web di ricordare le impostazioni effettuate dall’utente (ad es., nome utente, lingua di preferenza o regione di residenza). Ciò consente di arricchire e personalizzare l’offerta nei confronti dell’utente per migliorarne l’esperienza di navigazione. Le informazioni vengono generalmente raccolte in forma anonima e non includono l’attività di navigazione su altri siti web. Come la pressoché totalità dei siti web, anche Studio Galofaro fa uso di cookie di funzionalità sui suoi siti.

 

Cosa succede se scelgo di abilitare i cookie sul mio browser?

 

Salvo laddove si scelga di disabilitare tali funzioni, la navigazione sul sito web e l’uso dei servizi on-line presuppone l’accettazione da parte dell’utente dell’uso dei cookie e delle tecnologie ad essi collegate sul proprio dispositivo.

 

Cosa sono i web beacon?

 

Alcune pagine del nostro sito web potrebbero contenere dei web beacon (noti anche come “internet tag”, “pixel tag” e “clear GIF”). I web beacon agevolano la visualizzazione dei contenuti da parte degli utenti e permettono di generare statistiche sul traffico e le tendenze web. I web beacon non sono in grado di identificare i singoli individui.

 

Come posso rifiutare l’uso dei cookie o tecnologie simili (ritirare il consenso)?

 

Esistono due opzioni per rifiutare l’uso dei cookie.

La prima opzione prevede la disabilitazione dell’uso dei cookie dal proprio browser. La navigazione verrà comunque garantita ma non tutte le funzionalità saranno disponibili.

La seconda opzione consente di fare clic sul link riportato di seguito per impedire l’uso dei cookie non essenziali e delle tecnologie correlate. È inoltre possibile ritirare il proprio consenso all’uso dei web beacon cliccando sul pulsante qui sotto. Si ricorda che molte delle funzionalità contenute nei presenti siti web hanno bisogno di queste tecnologie per la visualizzazione dei contenuti o per poter usufruire di una presentazione più completa, per cui la rimozione di questi cookie potrebbe ridurre tali funzionalità e rendere più disagevole la navigazione. Il ritiro del consenso all’uso di questi cookie ne provoca la disabilitazione; pertanto, non saranno più in grado di svolgere le funzioni sopra elencate. Si prega di notare che il codice disabilitato di questi cookie non scomparirà dal computer o da un altro dispositivo e che i cookie continueranno ad essere presenti nel browser a meno che non si proceda alla loro disabilitazione anche attraverso le impostazioni del browser. Le istruzioni per la disabilitazione sono disponibili sul sito www.aboutcookies.org.

 

Studio Galofaro consente a terzi di installare cookie o tecnologie web simili sui propri siti web?

 

Di norma, Studio Galofaro non consente a terzi (come ad es. agenzie pubblicitarie) di installare cookie sui propri siti web o di svolgere attività di natura promozionale. Tuttavia, è possibile che alcuni individui pubblichino dei contenuti di terze parti su alcuni dei nostri siti web, come le pagine delle reti sociali. Questi contenuti potrebbero includere video di YouTube o altri siti, o contenuti integrati e strumenti di condivisioni di altri siti di terze parti. Poiché non possiamo controllare la diffusione dei cookie da parte di siti non di proprietà o non operati da Studio Galofaro, per ottenere maggiori informazioni in merito a tali cookie, e per verificare se sia possibile disabilitarli, sarà necessario controllare i siti delle terze parti interessate. Generalmente, è comunque possibile disabilitare i cookie di terze parti modificando le impostazioni del browser. Le istruzioni per la disabilitazione sono disponibili sul sitowww.aboutcookies.org.