20 Oct, 2020
  •  

     

     

    L'avvocato deve sapere in modo così discreto suggerire al Giudice gli argomenti per dargli ragione, da lasciarlo nella convinzione di averli trovati da sè.

    Piero Calamandrei
    "Elogio dei giudici scritto da un avvocato", 1935
  • 1

Ultime News

La restituzione del bene oggetto di comodato: Aspetti problematici e ingiusto arricchimento.

 

Il comodato è il contratto “reale” con il quale una parte, detta comodante, consegna all’altra, detta comodatario, una cosa mobile o immobile, affinché questa se ne serva per un tempo o un uso determinato, con l’obbligo di restituire la stessa cosa ricevuta, ma senza essere tenuta a pagare alcun corrispettivo.

Il contratto, essenzialmente gratuito, viene stipulato tra le parti ed ha ad oggetto un bene inconsumabile e non fungibile al fine di permetterne al comodatario l’uso, tramite il trasferimento della sola detenzione della cosa, e senza alcun corrispettivo in favore del comodante.

Dalla nozione codicistica dell’art. 1803 c.c., e dagli articoli a seguire del Capo XIV, ben si evince la duttilità e la facile applicabilità del contratto di comodato al caso concreto, motivo per cui, non soltanto risulta tra i maggiormente diffusi, ma, proprio per tale circostanza, la fattispecie si presta a non poche questioni che sorgono nella prassi applicativa; in particolare, in alcune ipotesi, l’obbligo del comodatario di restituire la cosa al comodante potrebbe divenire l’aspetto che presenta maggiori criticità.

Nello specifico, il comodato viene tradizionalmente definito come un contratto bilaterale imperfetto; infatti, da esso nasce, di regola, un’obbligazione a carico del solo comodatario, tenuto a restituire la cosa, o alla scadenza del termine convenuto, per l’avvenuta l’estinzione del contratto e da cui sorge il conseguente obbligo contrattuale di restituzione del bene ricevuto, o prima della scadenza dello stesso, qualora il comodante, su cui gravano i relativi oneri probatori, abbia la necessità di dover appagare impellenti esigenze personali.

L’art. 1808 c.c. esclude il diritto del comodatario al rimborso delle spese sostenute per servirsi della cosa, attribuendogli però il diritto di essere rimborsato delle spese straordinarie sostenute per la conservazione della cosa, se queste erano necessarie e urgenti.

È opportuno precisare, infatti, che tale obbligo restitutorio grava sul comodatario anche ed a prescindere dalla circostanza che abbia assunto a suo carico considerevoli oneri, per spese di manutenzione ordinaria e straordinaria, in vista della durata del bene concessogli in godimento.

L’art. 1809 c.c. continua disponendo che “Il comodatario è obbligato a restituire la cosa alla scadenza del termine convenuto o, in mancanza di termine, quando se ne è servito in conformità del contratto” al secondo comma “se però, durante il termine convenuto o prima che il comodatario abbia cessato di servirsi della cosa, sopravviene un urgente e impreveduto bisogno al comodante, questi può esigerne la restituzione immediata”.

Nel caso di inadempimento del comodatario dell’obbligo di restituzione, tale condotta è idonea a produrre un danno patrimoniale al comodante che sarà chiamato a risarcire, ove non provi che l’inadempimento sia stato determinato da causa a lui non imputabile.

Dunque, al comodatario non sono rimborsabili le spese straordinarie non necessarie ed urgenti, anche se comportino miglioramenti per il bene oggetto del comodato, tenendo conto della non invocabilità da parte del comodatario stesso, in quanto né possessore né terzo, dei principi di cui agli artt. 1150 e 936 c.c. ed altresì della mancanza di un diritto ad essere indennizzato per le migliorie apportate. (cfr. Cass., sez. III, 11 maggio 2010 n. 11374)

La gratuità dell’uso del bene concesso in comodato, infatti, incide anche sulle spese straordinarie non necessarie ed urgenti sostenute per l’utilizzo della cosa, le quali, anche se apportano delle migliorie non sono rimborsabili dal comodante, dovendosi riconoscere al comodatario soltanto l’esercizio dello ius tollendi per le addizioni. (Cass. 10 luglio 2018 n. 16063).

In conclusione, il comodatario che, avendo sostenuto delle spese ordinarie o straordinarie non necessarie ed urgenti, si sia vista rigettata l’azione di rimborso avanzata ai sensi dell’art’1808 c.c., non può nemmeno esperire quella generale di illecito arricchimento, atteso che il requisito di sussidiarietà evocato dall’art. 2041 c.c. non consente che la relativa azione possa essere utilizzata in alternativa subordinata a quella contrattuale per eluderne gli esiti sfavorevoli, ove quest’ultima, sebbene astrattamente configurabile, non consenta in concreto il recupero dell’utilità trasferita all’altra parte, essendo piuttosto essa finalizzata ad impedire che gli spostamenti patrimoniali privi di giusta causa tra soggetti terzi, per l’inesistenza o la nullità di un rapporto contrattuale, debbano essere retrattati nei limiti del minor valore tra arricchimento e danno. (Cass., sez. II, 27 gennaio 2012, n. 1216).

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

NOTIFICA DEI COOKIE SUL SITO WEB E DOCUMENTO DI DIFFUSIONE

Cosa sono i cookie?

 

I cookie sono piccole porzioni di dati inviate da un sito web e conservate sul dispositivo dell’utente durante la navigazione. I cookie hanno varie funzioni: ad esempio, raccolgono informazioni sulle attività effettuate in precedenza dall’utente in modo tale da rendere la navigazione più efficiente e piacevole, ricordano le preferenze impostate, consentono la navigazione e permettono l’autenticazione in caso di registrazione o acquisto effettuato per mezzo del sito web. Infine, l’uso dei cookie serve a garantire che gli annunci visualizzati dall’utente siano più in linea con i suoi interessi.

L’uso dei cookie non danneggia in nessun modo il computer; inoltre, essi vengono cancellati dopo un certo lasso di tempo, ad esempio dopo sei mesi. Per ulteriori informazioni sui cookie, si prega di consultare il sito:www.allaboutcookies.org.

 

Studio Galofaro fa uso di cookie sui suoi siti?

 

Sì. Come la pressoché totalità dei siti web, anche Studio Galofaro fa uso di cookie per varie ragioni, ad es. l’identificazione degli utenti che tornano a far visita al sito, il calcolo del numero totale dei visitatori, la rilevazione delle pagine consultate e di eventuali difficoltà tecniche nel caricamento delle pagine o nel corso della navigazione sul sito. La raccolta di tali informazioni ci consente di capire quali sono le pagine più interessanti o utili per gli utenti e di monitorare il livello generale di interesse nei confronti dei nostri siti. Inoltre, grazie ai cookie è possibile individuare eventuali problemi di natura tecnica nel sito e risolverli tempestivamente. In tal modo, riusciamo a garantire il corretto funzionamento dei siti web e ci impegniamo per migliorare la nostra offerta nei confronti dei visitatori.

 

Devo accettare i cookie per poter visitare il sito?

 

No, non necessariamente. È possibile disabilitare i cookie, compresi quelli utilizzati dal nostro sito web, semplicemente disattivando la funzione dei cookie nel proprio browser. Tuttavia, alcune parti del sito, così come di altre pagine web, potrebbero non funzionare correttamente una volta disattivata tale funzione. Ad esempio, in caso di acquisto di prodotti dal nostro sito o di richiesta di password per l’accesso ad un’area limitata, il sito web non potrà procedere in assenza dell’autenticazione fornita dai cookie.

 

Quali sono le tipologie di cookie presenti sui siti web?

 

In generale, i nostri siti web utilizzano tre categorie di cookie:

Questi cookie sono essenziali in quanto consentono all'utente di spostarsi da una sezione all’altra del sito web e di interagire con le sue funzionalità, come ad esempio i servizi richiesti. Senza questi cookie, tali servizi, quali la navigazione come utente registrato, l’accesso ad aree sicure o l’acquisto di prodotti dal sito, non sarebbero disponibili. Come tutti i siti web di dominio pubblico, anche il nostro sito fa uso dei cookie strettamente necessari.

Cookie di prestazione. Si tratta di cookie in grado di raccogliere informazioni sulla modalità d’uso del sito web da parte degli utenti, come ad esempio le pagine più visitate, e sull’eventuale presenza di messaggi di errore inviati dal sito stesso. Questi cookie non raccolgono informazioni in grado di identificare i visitatori. Le informazioni vengono raccolte in forma aggregata e anonima e vengono utilizzate esclusivamente ai fini del miglioramento del sito. Come la pressoché totalità dei siti web, anche Studio Galofaro fa uso di cookie di prestazione sui suoi siti.

Cookie di funzionalità. Questi cookie permettono al sito web di ricordare le impostazioni effettuate dall’utente (ad es., nome utente, lingua di preferenza o regione di residenza). Ciò consente di arricchire e personalizzare l’offerta nei confronti dell’utente per migliorarne l’esperienza di navigazione. Le informazioni vengono generalmente raccolte in forma anonima e non includono l’attività di navigazione su altri siti web. Come la pressoché totalità dei siti web, anche Studio Galofaro fa uso di cookie di funzionalità sui suoi siti.

 

Cosa succede se scelgo di abilitare i cookie sul mio browser?

 

Salvo laddove si scelga di disabilitare tali funzioni, la navigazione sul sito web e l’uso dei servizi on-line presuppone l’accettazione da parte dell’utente dell’uso dei cookie e delle tecnologie ad essi collegate sul proprio dispositivo.

 

Cosa sono i web beacon?

 

Alcune pagine del nostro sito web potrebbero contenere dei web beacon (noti anche come “internet tag”, “pixel tag” e “clear GIF”). I web beacon agevolano la visualizzazione dei contenuti da parte degli utenti e permettono di generare statistiche sul traffico e le tendenze web. I web beacon non sono in grado di identificare i singoli individui.

 

Come posso rifiutare l’uso dei cookie o tecnologie simili (ritirare il consenso)?

 

Esistono due opzioni per rifiutare l’uso dei cookie.

La prima opzione prevede la disabilitazione dell’uso dei cookie dal proprio browser. La navigazione verrà comunque garantita ma non tutte le funzionalità saranno disponibili.

La seconda opzione consente di fare clic sul link riportato di seguito per impedire l’uso dei cookie non essenziali e delle tecnologie correlate. È inoltre possibile ritirare il proprio consenso all’uso dei web beacon cliccando sul pulsante qui sotto. Si ricorda che molte delle funzionalità contenute nei presenti siti web hanno bisogno di queste tecnologie per la visualizzazione dei contenuti o per poter usufruire di una presentazione più completa, per cui la rimozione di questi cookie potrebbe ridurre tali funzionalità e rendere più disagevole la navigazione. Il ritiro del consenso all’uso di questi cookie ne provoca la disabilitazione; pertanto, non saranno più in grado di svolgere le funzioni sopra elencate. Si prega di notare che il codice disabilitato di questi cookie non scomparirà dal computer o da un altro dispositivo e che i cookie continueranno ad essere presenti nel browser a meno che non si proceda alla loro disabilitazione anche attraverso le impostazioni del browser. Le istruzioni per la disabilitazione sono disponibili sul sito www.aboutcookies.org.

 

Studio Galofaro consente a terzi di installare cookie o tecnologie web simili sui propri siti web?

 

Di norma, Studio Galofaro non consente a terzi (come ad es. agenzie pubblicitarie) di installare cookie sui propri siti web o di svolgere attività di natura promozionale. Tuttavia, è possibile che alcuni individui pubblichino dei contenuti di terze parti su alcuni dei nostri siti web, come le pagine delle reti sociali. Questi contenuti potrebbero includere video di YouTube o altri siti, o contenuti integrati e strumenti di condivisioni di altri siti di terze parti. Poiché non possiamo controllare la diffusione dei cookie da parte di siti non di proprietà o non operati da Studio Galofaro, per ottenere maggiori informazioni in merito a tali cookie, e per verificare se sia possibile disabilitarli, sarà necessario controllare i siti delle terze parti interessate. Generalmente, è comunque possibile disabilitare i cookie di terze parti modificando le impostazioni del browser. Le istruzioni per la disabilitazione sono disponibili sul sitowww.aboutcookies.org.